Blog

gli ultimi post…

Alla sorgente

Per cibo: la manna prodigata a pioggia nel deserto, è assegnata con questa precisazione. Certo, serve a sfamare, perché aggiungere: per cibo? Perché non se ne deve fare commercio, accaparrarla per rivenderla. Non deve avere valore di scambio, ma valore di uso. Perciò se conservata per il giorno dopo, marcisce. La scrittura sacra ha per…

In morte di un elefante in Spagna

Tra gli esseri umani esistono stranieri e prigionieri. Lui non era straniero, né prigioniero, in Africa. In Europa sì, di un’arena rotonda pochi metri, esibito coi fiocchi e coi pennacchi. Al circo anche le bestie diventano pagliacci. Doveva alzarsi sopra le due zampe, sollevare un uomo con il naso, fingere di schiacciare una ragazza. Ignorava…

Una prefazione

Un ragazzo Eritreo si assottiglia, dimagrisce, non per anoressia ma per durata fame. Al corpo succede di togliere dai nervi lo stimolo del cibo dopo i primi giorni. Il bisogno si scatena nel sonno, ma in veglia il corpo esplora se stesso, raschiando fino all’osso, divorando i muscoli. Nello stordimento della lunga inedia ci sono…

Le cose fatte senza di lui

Paul Cézanne ottenne poco successo in vita. Il visitatore di una sua mostra in una galleria privata di Parigi, lascia questo commento dispiaciuto: ”Il tempo non rispetta le cose fatte senza di lui”. Gli sembrava che il pittore fosse frettoloso e spalmasse alla rinfusa i colori sulla tela. Al contrario, Cézanne era lento e infaticabile.…

Un tempo rovesciato

Da bambino in città, tra i vicoli dove il bucato ci metteva giorni a sgocciolare, ero d’improvviso scaraventato d’estate per tre mesi su un’isola. A piedi nudi mi trovavo davanti agli orizzonti. Gli occhi ci mettevano giorni a prendere la messa a fuoco, che in fotografia si chiama all’infinito. La pelle di città cadeva a…

A contrappeso

Emanuela, un’insegnante di liceo a Milano, mi chiede un suggerimento per i suoi studenti circa l’utilità della poesia. Rispondo volentieri, da lettore. In un racconto del brasiliano Guimaraes Rosa un ragazzo, Miguilìm, cresciuto in una sperduta campagna, viene adottato da una famiglia di città. Si accorgono che è debole di vista e lo portano da…

Nessuna cosa esiste dove la parola manca

“Nessuna cosa esiste dove la parola manca” (M. Heidegger). Questa frase per me vuol dire almeno questo, che solo la parola permette a un avvenimento di emergere dal silenzio. La sua esistenza è negata, se non viene portata alla luce dalla parola che la nomina. Nella domenica 4 di marzo 2018 le parole hanno dichiarato…

Notizie del digiuno

Una donna che conosco si è difesa da una minaccia di estradizione con un digiuno a oltranza. Aveva una certezza: preferiva morire. L’ho vista scheletrica e invincibile nella rissa del suo corpo a corpo con l’autorità.  Fu fermata sul limite e non estradata. Il suo digiuno fu più lungo del mio. Intorno ai cinquant’anni ho…

Una sala di attesa

Sulla sponda del Lungo Senna d’Austerlitz a Parigi si forma e si dissolve l’accampamento dei viaggiatori fermi. Per chi si affaccia dal bordo è una risacca formata dal fiume. Se vuole, è invisibile. Dirimpetto s’innalza, massiccio e verde, l’edificio dal titolo Città Della Moda. Più in basso la sua discoteca, lussuosa discarica sonora. Le due…

Articoli recenti

Archivi

Categorie