Blog

gli ultimi post…

Grandezza naturale

E’ l’alba di un secolo giovane, Marek si accorge che sta sbiadendo il buio dai vetri alle sue spalle. Per la durata della notte ha parlato yiddish con suo padre. Nel ritratto ha ancora la bocca aperta. Tate, tatele, bleib gezint, papà stammi sano, insieme alla nostra Vizebsk ebraica per metà, quella che rimane di…

Grandezza naturale

Moishe/Marek Chagall sta per buttare via il pennello che stringe, sollevato in alto, senza poterlo avvicinare alla tela. Afferra con le due mani il quadro ancora fresco d’olio, che luccica al chiarore di candele. Lo stringe e invece di spezzarlo con un colpo sul ginocchio, sente una voce che da un’altra stanza lo sta chiamando.…

Grandezza naturale

Marek è pronto per incontrare la faccia di suo padre. Il suo corpo è davanti a lui, mancano i tratti del volto che resistono alla messa a fuoco. Marek continua a vedere una foschia su quella faccia rimasta a mille miglia a oriente di Parigi. In Ebraico oriente e prima sono lo stesso nome: “Kèdem”.…

Grandezza naturale

Da dove comincia Marek il pittore? Dalla testa, dal berretto calato sulla fronte, dai capelli che coprono le orecchie e le proteggono dal freddo e dagli strilli del mercato. La faccia? Non ancora. Marek scende con il nero lungo la barba, poi il nero si allarga a cascata e pesa sulle spalle, la giacca, fino…

Grandezza naturale

Chagall figlio si sfila dall’ombra del padre. Non ne segue il mestiere, vuole ripulirsi dall’odore di pesce per il quale lo prendevano in giro. Lo ricoprirà degli oli di pittura, col diluente della trementina. Lontano dalle casse sollevate dal padre, dalle dita sformate dalle artriti, Marek vuole imparare la leggerezza, la stesura precisa del tocco…

Grandezza naturale

Erri è in viaggio, pubblichiamo in 6 puntate l’inedito “Grandezza Naturale” La più dura storia tra padre e figlio si legge nella scrittura sacra. La voce che ha scaraventato Abramo fuori della sua terra verso un vagabondaggio senza arrivo, torna a visitargli l’ascolto. Stavolta non è all’imperativo secco: “Lekh lekhà”, vai vattene, perentorio come un’espulsione.…

Considerazioni di un ospite

Mi sono trovato invitato al matrimonio di una giovane coppia, non in chiesa né in municipio: all’aperto su un prato. Mancavo da una simile festa dal secolo passato, quando ho partecipato a quelle altrui. Guardavo da completo principiante. I due erano innamorati così appassionati e assorti da non fare caso ai presenti. Stavano in una…

Uno straniero

Per un periodo della vita ho maneggiato castagni, per esattezza pali di castagno. Erano alti tre e quattro metri, la circonferenza superiore a due palmi di mano che non arrivavano a chiudersi intorno al tronco. Mi sono capitati tra le mani a Napoli. La data spiega: autunno inverno ‘80 e ‘81, dopo il terremoto. Riabitavo…

La precedenza

“È il mio nuovo manoscritto, non posso rischiare di perderlo. Dev’essere salvato, è più importante di me”. Settembre 1940, Walter Benjamin filosofo tedesco è in fuga perché ebreo. Lascia la Francia occupata dai nazisti e a piedi attraversa i Pirenei. Arriva a Port Bou, in Spagna. La minaccia della polizia franchista di rimandarlo in Francia…

Articoli recenti

Archivi

Categorie