Blog

gli ultimi post…

La gola della clessidra

In questo inizio d’estate mi sono messo a leggere le 1500 pagine dei racconti di I.B. Singer. Leggo storie passate di un mondo estinto, che lì dentro si agita ancora. La mia preferenza per loro in parte si spiega con i fantasmi, sparsi in quei racconti come in quelli dell’infanzia napoletana. Gli spettri si assomigliano,…

Macina ancora

Sono stato in Val di Susa a incontrare di nuovo le persone della più duratura e bella esperienza di lotta civile in Italia. Ho visto le tre generazioni che rinnovano il patto di legittima difesa della loro vallata. Larga nel suo punto massimo un solo chilometro, è attraversata da due strade, un’autostrada spesso soprelevata, una…

Anche un numero

Danilo De Marco è un fotografo che va ancora a pellicola, in bianconero, poi sviluppa e stampa nella camera oscura alla luce di una lampadina rossa. Dice che il digitale gli cancella la grana dall’immagine. Una sua mostra a Udine esponeva facce ingrandite di partigiani invecchiati. Chi di loro arriva all’età dei nonni porta la…

Storia di una tovaglia

La ricamò mia madre 40 anni fa nei pomeriggi che passava in visita a sua madre, nonna Emma. Colore azzurro intenso a fiori bianchi cuciti a sbalzo: certi lavori d’ago non contano il tempo, lo contengono. Mario, cugino fraterno, passava a salutare la nonna e ammirava il lavoro di cucito che cresceva in bellezza, un…

Mal di mare

Da un’ estate all’altra torno a nuotare nel Mediterraneo. Butto braccia all’indietro, vado a dorso, con la faccia all’aria. Spingo con i piedi e mi allontano. Torno a sciacquarmi la lingua, i denti, le gengive con un sorso. Lo tiro su col naso per sentire il suo odore fino in gola. Non è lo stesso mare,…

Altre ammirazioni

La Sainte Victoire è una montagna della Provenza alta poco più di mille metri. La sua sagoma incombe in 44 dipinti a olio su tela e in 43 acquerelli sopra il cavalletto del pittore Paul Cézanne. Nacque nei suoi paraggi e ne fu affascinato  per la vita intera. Non risulta che volle salirla. Intuì che…

Il simbolo del passero

Uso in maniera grossolana i nuovi canali di comunicazione. Quando mi spunta un commento sull’attualità, batto su Twitter le mie sillabe contate. Mi piace il simbolo del passero che sopra un ramo o un filo si dichiara. Sono abbastanza d’accordo con Borges che in una prefazione a Kipling scrive: ”Si suole giudicare uno scrittore per…

La scelta di Davide

Il primo novembre dell’anno 1755 cominciarono a cadere libri dagli scaffali della più antica libreria d’Europa, fondata a Lisbona nel 1732. È l’inizio di un terremoto che stermina centomila persone, seguito da tre onde anomale e infine da un incendio. Era il giorno di Ognissanti, scarsissimo a miracoli. Le catastrofi arrivavano sul mondo come tempeste,…

La seconda vita dei balconi

Una volta ho scritto delle righe dedicate ai balconi del 1900. Erano il biglietto da visita degli appartamenti, esprimevano all’esterno la vita degli abitanti. Panni stesi, vasi con i fiori, con erbe, ortaggi, bambini alle prese con un gioco, qualcuno che usciva per una boccata d’aria, per guardare intorno, per attesa. Dai balconi partivano messaggi…

Articoli recenti

Archivi

Categorie