Inge

Alla pubblicazione del mio primo libro m’invitò a pranzo. Nel 1989 facevo il mestiere di muratore, avevo mani grezze. La calce accompagnava le unghie e le piccole ferite. Sulla sua tovaglia bianca erano bene in vista. Le feci simpatia.
Conosceva mezzo mondo ma non aveva nessun’aria da gran dama. Fu schietta e diretta.
M’invitò a una Fiera del Libro a Francoforte, un posto per editori più che per scrittori. Voleva farmi conoscere, mi presentava a vari personaggi importanti e a me del tutto ignoti. Una sera di quelle a Francoforte m’invitò a ballare. Impossibile. Non lo so fare, non sono mai entrato in una discoteca o in una sala da ballo.
Insistette. Ho danzato con lei un goffo valzer che aveva come unica grazia quella di non pestarle i piedi.
Ovunque l’ho incontrata, spalancava abbracci e sorrisi. Lei è per me timbro, marchio, sigillo, impronta del nome Feltrinelli, al cui catalogo appartengo con fierezza.

24 Commenti

Unisciti alla discussione per dirci la tua

ambrarispondi
23/09/2018 a 12:37 pm

Trentatré anni fa moriva Giancarlo Siani, “un ragazzo normale” di ventisei anni, da non dimenticare.
di Lorenzo Marone, ed. Feltrinelli.

ninarispondi
22/09/2018 a 5:02 pm

un bel regalo postumo a INGE:il tuo nuovo libro.Forse l’aveva già letto?Lo-saprà- in ogni caso.

ambrarispondi
22/09/2018 a 9:23 am

Condivido totalmente Paola, Clara, Antonella. Questo non è un social, ragion per cui lo frequento. Buon autunno a Erri e a tutti i suoi amici.

ninarispondi
21/09/2018 a 5:04 pm

Pensando a INGE
La svolta nella vita avviene quando,
a un certo punto, ci rendiamo conto
di avere gli occhi aperti.Non è millanteria
ma l’unica via trovata,inconsapevolmente,
all’incrocio sospeso di tutte le stanchezze.
Lo sguardo di Bacon è allora fuorviante
si dà un’occhiata e via a cogliere l’istante irripetibile,
a incontrar ancora vita nella danza di Matisse.
E il cuore batte forte -metronomo del mondo.
Tutto questo in fondo-penso-non è che un lungo istante,
un battere di ciglia,un abbraccio all’universo,una musica costante,un unico racconto……

elisabettarispondi
21/09/2018 a 11:09 am

non mi resta che sperare che Erri De Luca non sia d’accordo con lei, che lavora per la fondazione, sulla cacciata dei diversamente amici e lettori. Perchè quella resto, una grande affezionata lettrice delle parole di Erri che stimo. Quindi resto. Grazie

CG CGrispondi
21/09/2018 a 10:36 am

Viviamo un’epoca capace solo di sparare sentenze su una bieca e cassa ignoranza. Non è solo che si guarda l’anello al dito e neanche più il dito, lontani anni luce dalla luna, è che benefattori, anime grandi e operato prezioso per la collettività non si riescono proprio a sfrondare dal pregiudizio di chi presume di sapere per aver letto una etichetta. Ieri sera ad un concorso di canzoni è apparso il figlio di Alessandro Gassman. Nessuno ha ascoltato la bravura di quel giovane. Tutti presi dall’etichetta delle sue mutande, con rispetto parlando… Figlio di, Casa editrice di… idea di Destra, Sinistra… l’ignoranza con la parola che ne consegue è defecatio. Clara Giovanetti

CG CGrispondi
21/09/2018 a 10:34 am

Viviamo un’epoca capace solo di sparare sentenze su una bieca e cassa ignoranza. Non è solo che si guarda l’anello al dito e neanche più il dito, lontani anni luce dalla luna, è che benefattori, anime grandi e operato prezioso per la collettività non si riescono proprio a sfrondare dal pregiudizio di chi presume di sapere per aver letto una etichetta. Ieri sera ad un concorso di canzoni è apparso il figlio di Alessandro Gassman. Nessuno ha ascoltato la bravura di quel giovane. Tutti presi dall’etichetta delle sue mutande, con rispetto parlando… Figlio di, Casa editrice di… idea di Destra, Sinistra… l’ignoranza con la parola che ne segue è defecatio. Clara Giovanetti

elisabettarispondi
21/09/2018 a 9:15 am

@Paola
Anche Lei poteva fermarsi sull’orlo delle sue considerazioni. Anche Erri, se di Erri si tratta, poteva fermarsi una riga prima. Ricordarci che “marchetta” è parola inadeguata al contesto, al Ricordo di una persona importante nel suo settore, per chi ha a cuore la libertà nella letteratura, la cultura nella società che per molte ragioni si inaridisce, è più che legittimo. Considerare “bassezza”, l’esprimere un proprio pensiero, quasi ironico, forse è quantomeno eccessivo. Sarebbe un invito, il mio, a una generica benevolenza verso chi legge e esprime qui i suoi pensieri. Unica inamovibile barriera si deve ergere solo di fronte a espressioni che alimentano violenza e ci mettono uno contro l’altro nella vita di ogni complicato giorno. Grazie

Fond. Erri De Lucarispondi
21/09/2018 a 9:29 am
– In risposta a: elisabetta

Ho scritto con il logo della fondazione perché sono in viaggio e facendo parte della stessa, collaboro e quando posso approvo i commenti. Lei mette perfino in dubbio le parole di Erri. Io, ripeto, personalmente, sono stufa di polemiche banali e irritanti, e non trovo nulla di ironico nell’usare la parola marchetta nei confronti di una persona che condivide con alcune righe, le emozioni per una grande amica appena scomparsa, pilastro della Feltrinelli. Insomma, io Paola, sono stufa di polemiche e finto buonismo. C’è tanto spazio nel web. Mi farebbe piacere ritrovare qui gli amici e lettori di Erri. Per chi invece ha tempo da perdere con giudizi e consigli non richiesti e inappropriati, consiglierei altri luoghi. Grazie

Antonella Antonelli
21/09/2018 a 9:41 am
– In risposta a: Fond. Erri De Luca

Condivido e sostengo ogni parola Paola. È da ieri che leggo e rileggo le parole di Erri e ogni volta l’emozione si fa più forte. Nelle sue parole c’è tutta la struggente tenerezza per l’amica scomparsa. Evviva Erri. Evviva Inge. Il resto non conta, lascia perdere.

ambrarispondi
21/09/2018 a 8:55 am

Dal suo nuovo mondo leggerà il tuo saluto e le sembrerà di danzare ancora.

Umberto Selettorispondi
21/09/2018 a 4:15 am

Erri vabbè ma questa si chiama marchetta

Fond. Erri De Lucarispondi
21/09/2018 a 6:53 am
– In risposta a: Umberto Seletto

Marchetta nei confronti di GRANDE signora della letteratura appena morta? Ma cosa è successo a questa società? Chi è lei per non fermare la sua bassezza neanche di fronte a un lutto? Mi fermo qui. Paola

CG CG
21/09/2018 a 10:45 am
– In risposta a: Fond. Erri De Luca

In merito alla scomparsa di Inge Feltrinelli e a chi la sta omaggiando come merita sto leggendo di tutto.

Sono davvero schifata.

Bisogna togliere gli smartphone a certi elementi che defecano sulla tastiera.

Chiediamo una legge che vieti la digitazione di certe parole sulle loro tastiere.

Viviamo un’epoca capace solo di sparare sentenze da una bieca e crassa ignoranza.

Non è solo che si guarda l’anello al dito e neanche più il dito, lontani anni luce dalla luna, è che benefattori, anime grandi e operato prezioso per la collettività non si riescono proprio a sfrondare dagli umani difetti di chi li ha protratti.
E in alcuni casi quei difetti, come nel caso di Inge, non ci sono affatto.

Il pregiudizio, la PREsunzione di chi presume di sapere per aver letto una etichetta sono il cancro delle attuali generazioni.

Ieri sera ad un concorso di canzoni è apparso il figlio di Alessandro Gassman.
Nessuno ha ascoltato la bravura di quel giovane.
Tutti presi dall’etichetta delle sue mutande, con rispetto parlando…

Figlio di, Casa editrice di… idea di Destra, Sinistra… l’ignoranza con la parola che ne consegue è defecatio. Clara Giovanetti

CG CGrispondi
21/09/2018 a 10:45 am
– In risposta a: Umberto Seletto

In merito alla scomparsa di Inge Feltrinelli e a chi la sta omaggiando come merita sto leggendo di tutto.

Sono davvero schifata.

Bisogna togliere gli smartphone a certi elementi che defecano sulla tastiera.

Chiediamo una legge che vieti la digitazione di certe parole sulle loro tastiere.

Viviamo un’epoca capace solo di sparare sentenze da una bieca e crassa ignoranza.

Non è solo che si guarda l’anello al dito e neanche più il dito, lontani anni luce dalla luna, è che benefattori, anime grandi e operato prezioso per la collettività non si riescono proprio a sfrondare dagli umani difetti di chi li ha protratti.
E in alcuni casi quei difetti, come nel caso di Inge, non ci sono affatto.

Il pregiudizio, la PREsunzione di chi presume di sapere per aver letto una etichetta sono il cancro delle attuali generazioni.

Ieri sera ad un concorso di canzoni è apparso il figlio di Alessandro Gassman.
Nessuno ha ascoltato la bravura di quel giovane.
Tutti presi dall’etichetta delle sue mutande, con rispetto parlando…

Figlio di, Casa editrice di… idea di Destra, Sinistra… l’ignoranza con la parola che ne consegue è defecatio.

Gabriellarispondi
20/09/2018 a 10:27 pm

La tua scrittura: lo specchio di un’anima sensibile e profonda. Grazie Inge per aver dato “luce” al mio scrittore preferito.

Tappino torineserispondi
20/09/2018 a 5:25 pm

❤ Qualcuno nella propria vita riesce a essere l’angelo di altre; o riparo, trampolino, dorso di mulo, preghiera…Pare che questa signora sia riuscita a darti il bene che meriti. Se ti conosco, non sarà l’unico tributo che le dedicherai. Un abbraccio.

lucyrispondi
20/09/2018 a 4:59 pm

-l’uomo è antiquato- penso avrà pensato Inge mentre ti invitava al valzer,Meravigliosa donna,meravigioso sorriso

elesrispondi
20/09/2018 a 4:10 pm

ricordo di averla incrociata a un festival della letteratura a Mantova,per lei una rosa gialla…….e che la terra…..

Raimondo Di Maiorispondi
20/09/2018 a 2:56 pm

Strepitoso ricordo della grande signora dell’editoria

Ilaria Dabustirispondi
20/09/2018 a 1:42 pm

Grazie Inge! Noi lettori ringraziamo.

Francescarispondi
20/09/2018 a 12:59 pm

Dietro quelle “mani grezze” vide una “pulizia” difficile da trovare in altre mani. La vide perché sapeva riconoscerla. Miracoli che solo la cultura più ampia sa compiere. Grazie Inge.

elesrispondi
20/09/2018 a 12:31 pm

una donna comme il faut !Allegra anche dopo la tempesta.Capace bella veloce sorridente,sempre.

Antonella Antonellirispondi
20/09/2018 a 11:45 am

Unico Erri

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: