Interviste dall’epidemia

Pubblichiamo l’intervista a Erri De Luca di Alessandra Ruffini a “Wordnews.it”

 

Parlando con Erri De Luca

INTERVISTA IN ESCLUSIVA. «La natura è un’idea astratta, una divinità aggiunta. La specie umana è ospite dilagante di un pianeta  che ha i suoi tempi e i suoi sconvolgimenti dipendenti da forze gigantesche».

Il momento che viviamo, ciò che sarà o che potrebbe essere. Ne abbiamo parlato con Erri De Luca, scrittore e poeta italiano. Autore di numerosi libri tra i quali Il peso della farfallaTu, mioIl giorno prima della felicitàTre cavalli.

Da questo momento così surreale che ci mette in pericolo di vita per una pandemia inaspettata e mette a rischio anche la serenità mentale di molti, possiamo pensare che ne usciremo migliori e più consapevoli rispetto ai valori che contano veramente nel vivere quotidiano?

«Non ho dono di profezia, ho solo qualche constatazione sul tempo presente e registro uno spirito civico di collaborazione tra cittadini e di osservanza delle restrizioni imposte. Il governo si è dovuto convertire da garante del PIL e delle soluzioni finanziarie, a garante della vita in pericolo dei cittadini. Uso il termine conversione perché così non è mai stato, per il tollerato dilagare dei danni alla salute provocati da lavorazioni e opere pubbliche nocive.
Questo primato della vita sull’economia potrebbe durare. I prossimi governi non potranno trascurare la sanità, che è stata mortificata da tagli al bilancio. La scarsità di reparti di rianimazione sarà un crimine. Intanto quest’anno le spese militari continueranno a crescere, come hanno sempre fatto in questi anni di tagli alle risorse di settori molto più vitali».

Come valuta la gestione della emergenza da parte del Governo? E l’Europa pensa che si farà madre affettuosa, come dice il premier Conte “un insieme coordinato di Stati che fa fronte comune contro un  comune nemico”  o prevarrà la natura di arida istituzione burocratica?

«Il governo, insisto con il verbo, ha saputo convertirsi e fare da esempio pilota per altre nazioni che hanno dovuto ricorrere alla misure di contenimento. Non considero la Unione Europea un’arida istituzione burocratica, ma il massimo traguardo raggiunto dalla storia politica del 1900, con la fine delle guerre nel continente più bellicoso della storia umana. L’Unione saprà aggiornarsi e proseguire, per la semplice evidenza che non esiste alternativa. Non si ritornerà agli Stati nazionali di prima, piuttosto dovrà succedere  il contrario, da questa epidemia procedere a una più stretta Unione».

Una natura violentata, non rispettata che in qualche modo ci presenta il conto: lei pensa che impareremo una lezione tanto importante per intraprendere un nuovo percorso imparando a rispettare il pianeta?

«La natura è un’idea astratta, una divinità aggiunta. La specie umana è ospite dilagante di un pianeta  che ha i suoi tempi e i suoi sconvolgimenti dipendenti da forze gigantesche.  Noi siamo una delle sue febbri periodiche. Questa epidemia è molto più leggera di quella che un secolo fa cancellò decine di milioni di vite umane nel mondo, riportata col nome di Spagnola, un virus anche quello con esiti polmonari. Il rispetto del pianeta, come lei auspica, è prima di tutto rispetto della vita umana, della sua precedenza sugli interessi speculativi e finanziari».

La bellezza dell’arte, della poesia, della musica stanno aiutando molto nei momenti di sconforto e di solitudine: sarebbe importante ripartire dalla bellezza per riaffermare anche il senso di giustizia e di uguaglianza. Quanto è importante iniziare a trasmette questo già sui banchi di scuola per creare nuove generazioni e nuove sensibilità?

«Si tratta di una rinnovata necessità di intrattenimento, musica, film, libri, dentro un tempo sospeso più che libero. Chi ne ha già avviamento, se la cava meglio, chi non aveva neanche un libro in casa, potrebbe introdurre questa novità. La bellezza è meglio farla scendere dal piedistallo della maiuscola e farla stare alla portata di ognuno, plurale e disponibile. La scuola perfino peggio della sanità pubblica, è stata mortificata. Va rimessa al suo rango di avamposto del futuro. Personalmente mi stupisco della decisione di sopprimere la geografia dalle conoscenze educative. Si tratta della forma del pianeta che abitiamo, mari, fiumi, laghi, popoli: senza questa conoscenza la terra è ancora più lontana dai pensieri. I viaggi turistici non sono una supplenza».

Molte questioni restano sospese durante una gestione emergenziale del paese: le battaglie sui territori: penso al TAV, alla lotta alle mafie, alla gestione dei migranti. Tutte ferite aperte ed urgenti. Questa fermata, pur se necessaria, rischia di farle esplodere?

«Mi sembra che se ne avvantaggino le mafie, diventando prestatrici di denaro a usura per chi non ottiene prestiti bancari, continuando i traffici di droghe in clima di minore sorveglianza, perché le forze dell’ordine fanno la guardia ai movimenti dei cittadini.
La linea Tav Torino Lione è attualmente sospesa in Francia, mentre da noi non è neanche cominciato il traforo per il tunnel principale. Ricordo che si tratta di un treno merci, notizia poco diffusa: non si potrà salire da passeggero su quella linea di presunta alta velocità, a meno di non travestirsi da mozzarella».

Erri De Luca è più ottimista o più pessimista sul futuro del nostro paese?
«Alla mia età l’ottimismo è un presidio sanitario, lo assumo a piccole dosi ogni giorno».

2 Commenti

Unisciti alla discussione per dirci la tua

Diegorispondi
19/05/2020 a 6:32 am

Chi cura ha cura la sceneggiatura del possibile é scritta da mani leggere nella coscienza impastate di sangue e pietre insofferenti al peso del destino degli esseri del cui essere farebbero fuoco per bivacchi

Mimmorispondi
30/04/2020 a 1:41 pm

Purtroppo caro Erri l’Europa in accordo con Italia e Francia hanno appena qualche giorno fa deliberato diversi milioni nel Tav Torino/Lyon. È scandaloso non ci sono bende/tamponi/camici ecc. Per personale sanitario né respiratori o posti letto per ammalati. Io anziano costretto a restare a casa mentre appena qui vicino danno il via libera a scavare e creare polveri sottili polveri di amianto uranio ecc. Quindi la colpa è mia che respiro. Maledetti affaristi, banchieri, mafiosi, politici italiani ed europei. Vi maledico non perché sono preoccupato per me ma per i miei figli i miei nipoti di questa valle martoriata. Sono anche stanco di lottare ed essere costretto a frequentare il triste e infame tribunale di Torino. Mimmo Bruno no tav di Bussoleno

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: