La quarta stagione

Con il viaggio di ottobre Giacinto e io abbiamo toccato tutte e quattro le stagioni in Ucraina.  Stavolta, la sesta, anche più delle altre c’era nelle immense retrovie della guerra una volontà ostinata di normalità. Negozi aperti anche la domenica, stazioni di servizio rifornite, lungo le strade nazionali piccole rivendite di frutta e stavolta anche…

Circa l’amore

Fall in love, tomber amoureux: la lingua inglese e la francese impiegano verbi di caduta per la condizione amorosa. La caduta comporta perdita di equilibrio e un abbassamento. La lingua italiana dice: innamorarsi. La preposizione “in” esprime l’ingresso in una condizione nuova e separata. Il napoletano che sostituisce il verbo amare con “te voglio bene”,…

Cronache estive

Due reticolati paralleli, sei metri di altezza, lame affilate in cima: sono stati saliti e scavalcati da più di seicento giovani, scattati tutti insieme, una di queste notti di luglio. A torso nudo, per evitare che la maglietta s’impigli. È l’atletica leggera dei tempi correnti, lo scavalco di muri, mari, monti. È l’atletica pesante di…

Andati via

C’è una parola stretta in bocca da chi si allontana per molto tempo da casa, dal suo posto, da ciò che considera patria. Tiene serrata in bocca la parola ritorno, custodita come un seme in un pugno di terra, mentre obbedisce al verbo andare via. Conosco il secolo degli andati via, spostati a miriadi da…